Login

Newsletter

  • Users 92
  • Posts 1,132
  • Comments 1,459
  • Pages 9

inps

Lavoro e famiglia

I politici si lamentano perché non nascono più figli o fingono di lamentarsi?

Al giorno d’oggi una coppia, sposata o meno, sta ben attenta ad aver figli perché, come prima cosa, costituiscono un impegno economico a cui è difficile far fronte pur lavorando in due,avendo da pagare il mutuo o l’affitto della casa più le eventuali rate dell’auto che distraggono la maggior parte dei guadagni.

Chi decide di aver figli deve necessariamente avere l’aiuto logistico di genitori e suoceri perché, mai gli orari di asilo e scuola collimano con quelli di lavoro e, se queste coppie sono pure NO VAX , devono arrangiarsi totalmente almeno fino ai 5 anni perché i figli non vengono accettati da asili nido e asili vari.

Nel corso del 2019, ben 37.611 neo-mamme e 13.947 neo papà, per un totale di 51.558 lavoratori neo genitori, hanno abbandonato il lavoro per questi “motivi di famiglia” mentre il part time, che potrebbe costituire un valido aiuto, viene accettato solo nel 21% delle richieste avanzate. Continua a leggere

Finiti i soldi?

Molti lavoratori non hanno ricevuto la cassa in deroga relativa a marzo ed aprile perché i 3,3 miliardi di euro stanziati col decreto Cura Italia sono finiti.

Sembra che all’origine ci sia una sottostima dell’INPS che avrebbe indicato in 2,6 milioni di lavoratori interessati, numero inferiore a quanto in realtà si sta verificando. Continua a leggere

Le ferie arretrate

Le ferie sono un diritto inalienabile dei lavoratori tutelato dalle norme che le quantificano in quattro settimane all’anno, due delle quali usufruibili obbligatoriamente nell’anno solare mentre le altre due settimane, entro i successivi 18 mesi successivi all’anno di pertinenza.

Il 30 giugno 2020 scadono i 18 mesi per le ferie maturate e non godute nel 2018 e al datore di lavoro rimane tempo fino a tale data per farle godere ai lavoratori. Continua a leggere

La Cassa integrazione piace ai fantasmi

Aziende fantasma con lavoratori fantasma … per incassare l’integrazione.

Ci sarebbero 2135 nuove aziende create al solo scopo di usufruire della cassa integrazione prevista per il lockdown.

E’ quanto annuncia l’INPS sospettando che queste aziende, che hanno fatto l’iscrizione all’Ente negli scorsi due mesi a cui hanno fatto seguito le comunicazioni di migliaia di nuove assunzioni fatte retroattivamente al 17 marzo (data di approvazione del decreto Cura Italia che prevedeva le 9  Continua a leggere

Un governo dell’altro mondo

Umanoidi e prove sperimentali di governo.

Chi ci governa è un insieme di esseri che sembrano provenienti da altri mondi dove tutto è idilliaco, perfettamente funzionante in ogni più piccolo particolare.

Un’azienda forse non l’hanno mai vista e nella loro fantasia probabilmente è un fabbricato collegato ad un pulsante elettrico che permette di accendere e spegnere l’attività a piacimento. Continua a leggere

Disastro colposo del governo

Non è covid19 il killer, il colpevole di questa immane tragedia umana, sociale ed economica è unicamente il governo.

Non saremo diplomatici in queste poche righe perché i fatti accaduti sono di una gravità estrema, equiparabili a crimini contro l’umanità.

Che qualcosa fosse poco limpido nella gestione della strana emergenza covid19 lo avevamo capito già dall’inizio quando ipotizzavamo (vedi qui https://www.life.it/1/le-banconote-trasmettono-il-virus/ ) che questo virus, eliminando in gran parte  pensionati, potesse costituire una manna per i conti INPS e desse agli statalisti al governo l’opportunità di eliminare finalmente il contante, col pretesto di essere un veicolo di contagio. Continua a leggere

Il fisco suonato

Come un pugile suonato che riesce a stare in piedi nonostante le botte che continua a ricevere evitando il KO, il fisco, nella persona dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione, insiste a presentare ricorsi contro la prescrizione di cartelle esattoriali non impugnate che la Corte di Cassazione continua a dichiarare la prescrizione in linea con la  tipologia del tributo (anche se sempre più spesso si richiama ad una prescrizione quinquennale) mentre l’Agenzia, peccando di eccessiva presunzione, ritiene nel caso specifico una prescrizione decennale. Continua a leggere

600 € per gli autonomi?

Se siete in estrema difficoltà e non avete pagato i contributi obbligatori 2019, ve li sognate i 600 euro!

Neanche a farlo apposta!

Solo ieri abbiamo preso in considerazione il pericolo che l’attuale situazione economica e lavorativa possa costituire un momento critico per gli autonomi più in difficoltà e possa ripetersi il tragico “rito liberatorio” dei suicidi e, per questo, abbiamo lanciato un monito allo Stato affinché gli aiuti siano concreti e non di facciata. Continua a leggere

Gli aiuti alle imprese per emergenza Coronavirus

Quali sono i più importanti aiuti alle aziende per l’emergenza Coronavirus che il Decreto Legge in approvazione oggi, prevede.

IVA, Ritenute e contributi:

  1. per le aziende con più di 2 milioni di ricavi tutte le scadenze contributive e fiscali previste per oggi 16 marzo sono rinviate a venerdì 20 marzo;
  2. per quelle con meni di 2 milioni di ricavi il pagamento dell’IVA, annuale e mensile, ritenute, contributi INPS e INAIL è rinviato al 31 maggio in un’unica soluzione o in 5 rate.

Continua a leggere

Cartella esattoriale nulla

Questi sono vari i motivi che rendono nulla una cartella esattoriale. Bisogna però sapere che in questo Paese, per fare valere la nullità è necessario ricorrere ad un giudice nei termini prescritti pena il rinnovo continuo del debito.

La Prescrizione è l’elemento più importante e si verifica quando tra la notifica della cartella e la successiva richiesta di pagamento, sollecito o pignoramento, è trascorso un determinato periodo di tempo che è di: Continua a leggere