Login

Newsletter

  • Users 92
  • Posts 1,164
  • Comments 1,497
  • Pages 9

oppressione

Democrazia cinese

Le contravvenzioni per il covid19 sono illegittime

Conte, 5Stelle e PD a quanto pare si sono ispirati ai cinesi, campioni di democrazia, per adottare le misure restrittive anti covid19 e al primo ricorso contro le contravvenzioni per spostamenti immotivati durante il lockdown il Giudice, come previsto, dichiara illegittimi i provvedimenti di Conte (DPCM- Decreto Presidente Consiglio dei Ministri)) e del suo Governo. Continua a leggere

La Svezia non si è fermata, ora corre

Il virus non l’ha mai fermata: fabbriche, negozi, scuole … tutto aperto e il vantaggio psicologico legato alla serenità da parte delle persone all’idea di uscire di casa, andare al lavoro e fare shopping, ha contribuito ad un bilancio sostanzialmente positivo.

Le vittime, in proporzione, sono state più che nei Paesi confinanti, Norvegia e Danimarca, ma molto meno, sempre in proporzione, rispetto a Italia, Francia e Gran Bretagna. Continua a leggere

Disinformazione covid

Riportiamo da oggitreviso: Coronavirus nel trevigiano, muore un mese dopo essere guarito. Vittima un 54enne deceduto in ospedale a Vittorio Veneto

VITTORIO VENETO 27/07/2020 20:34 | Gianandrea Rorato

Era affetto dal virus, a giugno era guarito. Si è spento oggi in ospedale. Continua a leggere

Multe autovelox, la speedy truffa

Speedy truffa, potrebbe essere la denominazione di un’operazione congiunta di tutte le procure d’Italia nei confronti dei Comuni che utilizzano autovelox non omologati (tutti!)

Tutti coloro che hanno pagato le multe autovelox senza opporre ricorso per la solita questione di convenienza perché il ricorso sarebbe venuto a costare più della multa, hanno la reale possibilità di chiedere il rimborso di quanto pagato.

E’ una prassi che può essere adottata per le multe autovelox non impugnate e pagate negli ultimi 5 anni e consiste in una richiesta di accesso agli atti da inviare al Comune e all’organo di polizia a cui fa riferimento la notifica del verbale; in questa si chiedono due cose: Continua a leggere

Settimana lavorativa corta?

Ci vogliono tutti poveri per meglio disporre della nostra volontà

L’emergenza covid ha mandato in crisi il mondo del lavoro; per far lavorare tutti, anche quelli che lo perderanno, ci sono proposte per la riduzione dell’orario settimanale in modo da offrire a tutti la possibilità di lavorare: lavorare meno per lavorare tutti.

Non si tratta di una novità, è una proposta che di tanto in tanto riaffiora un po’ in tutto il mondo occidentale e che spesso, singolarmente ogni cittadino vaglia per le esigenze della sua famiglia. Continua a leggere

Stranezze italiche

Cose che possono avvenire solo in Italia, Paese di Bengodi.

Un appuntato dei Carabinieri (appuntato è l’equivalente di caporale dell’esercito, un grado in più del soldato semplice), capobanda dei 6 carabinieri stupratori, torturatori, spacciatori di Piacenza, possedeva 11 auto e 16 moto, era titolare di 13 conti correnti e viveva in una villetta di proprietà con piscina ed oltre a ciò aveva acceso due mutui. Continua a leggere

C’è una falsa Agenzia delle Entrate

Il paradosso dell’Agenzia delle Entrate che rivendica la sua identità.

L’Agenzia delle Entrate, quella vera, mette in guardia i cittadini che ricevono email con tanto di logo della stessa Agenzia delle Entrate, inviate però da quella falsa allo scopo di carpire le informazioni di chi “incautamente” aprisse quelle mail. Continua a leggere

Chiudere tutte le Partite IVA

E’ il progetto dei marxisti al governo, non il frutto di nostre fantasiose congetture, perché è scritto nero su bianco su un libro di cui Antonio Misiani, vice ministro dell’economia e delle finanze, è un coautore; qui potete trovarne una breve recensione https://www.cscliguria.it/le-imprese-rigenerate-dai-lavoratori-se-chiudi-ti-compro/

Questi incravattati eredi delle cellule comuniste sessantottine che, per finanziarsi, commettevano rapine chiamandole esproprio proletario, hanno affinato il linguaggio, curato l’immagine, fanno bella figura; sì hanno perso il pelo ma non il vizio. Continua a leggere

Se chiudi ti compro

Non è il motto della Mafia ma il libro profetico di Antonio Misani, vice ministro dell’economia e delle finanze che con le sue recenti dichiarazioni ha oltraggiato milioni di Partite IVA dimostrando una formazione mentale che si credeva oramai estinta ma che lui ha rivelato ancora strisciante in certi ambienti politici di potere.

“In questo Paese bisogna iniziare a dire che le imposte vanno pagate perché servono a finanziare i servizi essenziali. E non credo che le partite Iva stiano peggio degli altri. Abbiamo già concesso rinvii, aiuti e sgravi, dunque presentarci come arcigni nemici dei contribuenti è una caricatura. Ed è chiaramente strumentale da parte delle opposizioni”.

Queste sue affermazioni non meritano una risposta: è già molto eloquente il suo curriculum politico: Continua a leggere

Non scannatevi per pagare le tasse

Se dopo aver causato migliaia di morti, bloccato totalmente l’economia, promesso aiuti sostanziosi a lavoratori dipendenti e a lavoratori autonomi, promesse solo in parte mantenute ed insufficienti ad arginare l’onda d’urto del tutto chiuso … e nonostante ciò questo Stato rimane fermo nelle sue pretese di riscuotere le tasse alle scadenze prefissate, significa che il nemico numero uno dei cittadini è questo Stato.

Secondo questi abominevoli esseri che ci governano, chi per tre mesi ha tenuto chiusa l’attività, non ha lavorato, non ha prodotto reddito e si trova in grave crisi economica, dovrebbe rispettare le scadenze e pagare nei termini le tasse anche a costo di ricorrere agli usurai. Continua a leggere