Login

Newsletter

Archivi

oppressione

Ciao, come va? ..na merda!

E’ la risposta di Enrico Canel titolare della “Locanda da Condo” di Col San Martino, socio LIFE, interpellato per conoscere le difficoltà che sta incontrando in questo momento.
Continua a leggere

Via dall’Italia

Non è uno slogan secessionista ma è la scelta di 122.000 cittadini italiani che nel corso del 2019 sono emigrati in altro Paese.

Del totale, 87.000 hanno un’età tra 25 anni o poco più e ben 28.000 sono laureati.

Le mete preferite sono il Regno Unito che ha visto un aumento del 45% sul 2018 poi nell’ordine Germania, Francia, Svizzera, Brasile, Stati Uniti ….

Continua a leggere

Cooperative per schiavizzarci

Da 30 anni in Russia sono abolite le Kolchoz, cooperative agricole mentre l’Italia dei 5stelle e del PD vuole allargare la fallimentare esperienza al mondo produttivo: per questo vogliono far chiudere il più alto numero possibile di attività produttive e commerciali.

Continua a leggere

L’Italia dei primati negativi

Non può essere un caso se l’Italia è prima nella conta dei morti con covid19 per milione di abitanti, prima per le restrizioni imposte a cittadini e attività varie, prima per moria di partite IVA, prima tra i Paesi in cui la produzione industriale cresce di meno.

A novembre la produzione industriale nell’area euro cresce, rispetto ad ottobre, del 2,5% e nell’area UE del 2,3% mentre in Italia cala con un -1,4%, (- 4,2% nel 2020), calo superiore a quello di Francia (-0,9%) di Spagna (-0,6%) e Germania (+0,8%).

Continua a leggere

Venezia riapre

Ristoranti aperti in sfida al Governo, iniziativa degli esercenti di Venezia a cui tutti sono invitati come enunciato nella pagina ufficiale del Movimento Libertario. (DQ)

Il Movimento Libertario, in collaborazione con gli esercenti di Venezia ed altre associazioni, Venerdi 15 gennaio prossimo darà vita alla “Giornata della riapertura”. Inizio evento alle 17.30, con la chiamata a raccolta di tutti coloro che vogliono riappropriarsi della loro vita e della libertà, che da oltre 10 mesi è stata abrogata da un governo criminale ed anticostituzionale.

Continua a leggere

Funerale di un’amica

Bergoglio’s stores, una filiale di Castelfranco Veneto

Funerale di un’amica, fu mia segretaria per 7 anni. Alle 15.30 sono nella Chiesa, una volta si chiamava così. Un Kapò, in museruola e mascherato d’arancione, dentro il locale, insiste perché mi disinfetti bene le mani. A stento mi trattengo dal mandarlo “affa”, vista anche la memoria del luogo. Gli spiego, secco, che ritenendo di essere entrato in quella che una volta era una Chiesa e non un cesso pubblico, non vedo perché devo lavarmi le mani.

Continua a leggere

Ridotte le multe stradali

Si potranno risparmiare fino a 2 euro!

Notizia importante perché ci rende ulteriormente consapevoli di quanto l’organizzazione di questo Stato rappresenti la parodia di una burocrazia ideale.

Si deve pensare che l’aggiornamento delle sanzioni stradali, previsto per legge (non si scherza!) deve avvenire ogni due anni e in misura pari all’intera variazione, accertata dall’ISTAT, dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (media nazionale) verificatasi nei due anni precedenti.

Continua a leggere

L’aiuto agli italiani?

Vi aspettate un aiuto dal Governo? Tranquilli, 50 milioni di … cartelle esattoriali, una per ogni cittadino maggiorenne di questo disgraziato Stato, saranno spedite entro fine gennaio dall’Agenzia delle Entrate …. eccovi serviti!

Questo Governo è proprio una gran iettatura!

Continua a leggere

L’economia che muore

Il numero di 70.000 morti con covid19 probabilmente si discosterà di poco dalla media annua; il vero disastro è quello economico di cui il Governo ha gravi responsabilità

240.000 aziende hanno chiuso nel 2020 come conseguenza diretta del covid19 per le gravi restrizioni imposte con provvedimenti illegittimi (DPCM) del Governo; considerando una media di 3,8 addetti per ogni azienda chi ha perso o, a breve, perderà il posto di lavoro saranno 912.000 addetti ai quali si aggiungono 200.000 partite IVA, liberi professionisti, privi di un’organizzazione aziendale.

Continua a leggere

Politichese, la lingua ufficiale

Il politichese, linguaggio dei politici contorto e involuto, spesso incomprensibile al vasto pubblico ha fatto un balzo di qualità grazie a quei politici illuminati che sono alla guida del Paese, diventando lingua ufficiale delle istituzioni italiane.

Mantiene tutte le caratteristiche di incomprensibilità che si uniscono alle innate doti bizantinesche di chi scrive le leggi, raggiungendo un livello difficilmente eguagliabile nell’ultimo decreto, il 172 del 18 dicembre:

Continua a leggere