Login

Newsletter

  • Users 91
  • Posts 987
  • Comments 1,337
  • Pages 9

tasse

LIFE premiata dalla Camera di Commercio

Nello spirito LIFE, premio è il riconoscimento di ostilità che viene attribuito dalle istituzioni italiane a chi le contrasta, l’opposto di chi considera premio, il riconoscimento di fedeltà con tutte le prebende che questo comporta.

E’ il caso del sottoscritto, socio amministratore di una snc che dalla sua costituzione nel 1996, in piena sintonia con la filosofia LIFE, è stato fedele obiettore del “diritto camerale”, il pizzo che le camere di commercio impongono ai loro iscritti in cambio di nulla e che il 24 maggio 2005 ha dato inizio ad uno sciopero della fame, durato 9 giorni proprio in piazza Borsa a Treviso di fronte alla sede della camera di commercio, in un camper. Continua a leggere

Evasione: altro bòtto da 80 milioni

Anche in questo caso, né POS, né scontrini fiscali, né limite al contante, né ricevute fiscali, né fatture elettroniche hanno avuto qualche funzione nello scoprire l’evasione.

Si tratta di un’organizzazione diretta da tre commercialisti e tre avvocati in grado di creare crediti fiscali fittizi con emissione di fatture false.

I loro clienti erano aziende (no il meccanico, l’idraulico, il falegname o il fruttivendolo) che con tali sotterfugi avevano trovato il sistema di abbattere le imposte, a dimostrazione che, finché la pressione fiscale sarà al 70%, l’evasione fiscale rimarrà l’affare più redditizio per un’azienda dotata di una certa struttura e di un buon giro di affari, caratteristiche al di fuori della portata delle piccole aziende artigiane e commerciali. Continua a leggere

Buropazzia, la tassa occulta

Paghiamo non solo tasse, imposte, canoni, accise, addizionali, bolli …… ma anche la buropazzia, una burocrazia demenziale

Se questa perla tutta italiana non esistesse, le aziende potrebbero risparmiare quei 57,2 miliardi che sono costrette a spendere per tutti gli adempimenti e che corrispondono allo stipendio annuale medio di 2 milioni di lavoratori.

In poche parole, la buropazzia distrae alle aziende le risorse che potrebbero permettere due milioni di nuove assunzioni o quanto meno renderle più competitive.

Chi paga maggiormente questi costi sono le piccole imprese che hanno un’organizzazione limitata e sulle quali il peso della buropazzia grava per il 4% Continua a leggere

Fisco invadente, economia morente

Quando esisteva il segreto bancario anche per le istituzioni era complicato conoscere i rapporti di un cittadino con una banca e il denaro, versato o prelevato, non necessitava di giustificazioni: chissà perché in quei tempi il debito pubblico non era un problema e l’economia cresceva veloce.

Ora che il fisco ha libero accesso ai nostri conti diventa sempre più difficile la gestione di denaro contante; conosce ogni singolo movimento non solo in banca ma della nostra vita privata e noi, inconsapevolmente, gli offriamo l’occasione di un controllo totale H24 tramite dei banalissimi mezzi che usiamo, per l’appunto, 24 ore su 24: Internet e smartphone.

Alcuni esempi realmente accaduti. Continua a leggere

2019 anno bellissimo

La ripresa è aumentata del 25%…. si, quella delle aste giudiziarie nel 2019 rispetto all’anno precedente e, al 31 dicembre, il totale degli immobili pignorati e messi all’asta è stato di 23.904 unità.

I più colpiti risultano essere i piccoli imprenditori, evidentemente con problemi di liquidità per cui non ce la fanno a pagare i mutui concessi dalle banche e le famiglie a basso reddito, per lo stesso motivo; chi ha subito l’esproprio della casa da parte della banca ricorderà il 2019 come anno orribile, da dimenticare. Continua a leggere

Italia: IV mondo

Se a gestire le aziende fossero i governanti, l’Italia costituirebbe il IV mondo

Che la fattura elettronica non raggiungesse gli obiettivi postisi dai governanti, di azzerare gli scambi in nero e aumentare in proporzione il gettito dell’IVA, c’erano tutte le avvisaglie già a metà del 2019.

E, a conferma di ciò arrivano i dati di gennaio 2020 che praticamente non rilevano alcun incremento negli introiti IVA dell’anno 2019 a confronto col 2018 e l’imposizione della fattura elettronica si sta dimostrando oltre che inefficace nel suo intento, l’ennesimo dispositivo di tortura nei confronti di liberi imprenditori. Continua a leggere

100 mln di evasione in un sol bòtto

Maxi evasione da 100 milioni di euro scoperta … grazie alla lotta al contante?

No, di contante non ne circolava molto perché per comperare una Ferrari sarebbe stato complicato pagare in contanti: meglio un bonifico!

Alla stessa maniera i proventi di una maxi evasione IVA sui carburanti, venivano spesi per beni di lusso: l’affitto di uno yackt da 15.000 euro al giorno, orologi da 50.000 euro, Ferrari, Porsche e Lamborghini. Continua a leggere

Siete uno Stato nemico

La Coca-Cola: ci trasferiamo in un territorio “amico”, in Albania

LIFE ha sempre usato questo slogan (rivolto all’Italia) senza mai che qualcuno si scandalizzasse perché altro non è se una constatazione degli effettivi rapporti che intercorrono tra Stato italiano, cittadini, contribuenti ed operatori economici.

Lo stesso concetto proferito da una grossa azienda desta qualche perplessità tanto più se si tratta di una multinazionale con stabilimenti produttivi in questo Paese ritenuto ostile, nonostante magari abbia stipulato patti segreti col fisco italiano. Continua a leggere

L’Italia delle tasse: avanguardia mondiale

In fatto di tasse l’Italia è sempre all’avanguardia supportata da un’inesauribile fantasia impositiva

Come la peste suina, la smania tutta italiana di trasformare in tasse tutto ciò che il Governo desidera, minaccia il globo.

Gli italiani, inventori della prima tassa sui debiti, l’IRAP, si stanno ripetendo perché sono anche i primi al mondo ad aver previsto la web tax che andrà a colpire i servizi digitali offerti dalle grandi compagnie di internet. Continua a leggere

Agenzia delle Entrate, chiuso per sciopero

Oggi due ore di sciopero dei dipendenti dell’Agenzia delle Entrate che denunciano, la mancata retribuzione dei premi di produttività e gravi carenze nell’organico che rendono la lotta all’evasione un’utopia; il 6 febbraio è prevista anche una manifestazione generale a Roma.

Ho conosciuto nella mia vita, un dipendente dell’Agenzia delle Entrate, Paolo, che nelle ore libere si dedicava alla compilazione delle dichiarazione dei redditi di quei contribuenti marginali, come pensionati e piccolissimi imprenditori che vista la sua competenza, ben volentieri si affidavano a costui. Continua a leggere