Login

Newsletter

  • Users 92
  • Posts 1,106
  • Comments 1,428
  • Pages 9

tasse

Pur di pagare meno tasse

Ovvero quando l’Italia offriva tassazione di favore a chi si trasferiva al Sud a scapito delle piccole aziende del Nord.

L’opportunità di pagare meno tasse per le società che investono in determinati territori è una tecnica per attirare capitali che alcuni Stati offrono per incentivare l’economia di zone depresse.

L’Italia è forse il capostipite di questa tecnica già dagli anni ’90, quando concedeva al suo interno, la detassazione per quelle aziende che avessero trasferito la loro attività dal Nord verso il Sud; da qui inizia la migrazione di capitali da luoghi considerati opulenti verso altri dichiarati depressi. Continua a leggere

Tasse, Costituzione e un Sindacato come LIFE

Ovvero quando il fesso che paga tutto viene anche perseguitato, privo di qualunque tutela.

In tema di tasse la Costituzione è chiara e all’Art. 53 enuncia: “Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività” condivisibile o meno.

Ma il fatto strano è che i principi della Costituzione vengono imposti alla maggioranza e non abbiano valenza alcuna per un’esigua minoranza, come nel caso delle multinazionali del’high-tech che in Italia occupano circa 10.000 addetti, godendo di trattamenti fiscali di ingiustificato favore e di assoluto discrimine nei confronti delle piccole aziende che complessivamente danno lavoro a 10 milioni di addetti. Continua a leggere

Superbonus 110%

In poche righe le informazioni essenziali sul superbonus

Il superbonus si potrà applicare ad opere eseguite su un fabbricato singolo o composto da più unità immobiliari ed anche a singoli appartamenti di condomini per una coibentazione interna delle superfici, adibito a residenza di persona fisica per lavori di applicazione del cappotto termico o sostituzione degli impianti di climatizzazione, lavori considerati trainanti per ricevere il bonus, oltreché per interventi antisismici speciali, installazione impianti solari e fotovoltaici effettuati congiuntamente ai primi e se la classe energetica dell’edificio, a fine degli interventi, avrà guadagnato due classi energetiche. Continua a leggere

L’azzardo del gioco

Tabella di quanto viene speso per il gioco, in ogni singola regione.

Come mai chi spende di più al gioco è chi, sulla carta, ha di meno?

Sembrerebbe un controsenso, un fenomeno che va contro la natura umana che tenderebbe all’ adeguarsi alle situazioni critiche per limitare gli effetti negativi; se fa freddo la prima cosa da fare è limitare la dispersione di calore coprendosi; se non c’è cibo a sufficienza lo si razionalizza, se i soldi sono pochi si tira la cinghia come si suol dire e nessuno si spoglierebbe per scaldarsi, si abbufferebbe in carenza di cibo o giocherebbe i pochi soldi che ha a disposizione. Continua a leggere

La mafia delle multinazionali

Ci sono parti del Paese Italia dove una florida economia, quella della mafia, esula totalmente al controllo dello Stato e non contribuisce minimamente alla spesa pubblica come, diversamente fanno, le attività regolari.

Però, quando si parla di debito pubblico si tende ad incolpare la parte del Paese che già paga le tasse e che per ragioni di sopravvivenza riesce ad evadere una minima percentuale di quanto dovrebbe pagare, invece la mafia che esula dal controllo dello Stato nulla paga e colpe non ha.

Questa citata è la mafia classica, quella degli appalti, della corruzione, dei traffici di droga, dell’usura … ma un’altra mafia si è venuta a consolidare nel Paese Italia. Continua a leggere

Cartella esattoriale nulla

Un nuovo motivo costituisce fonte di nullità delle cartelle esattoriali

Le cartelle esattoriali emesse dopo il 1° giugno 2008 devono necessariamente indicare il responsabile del procedimento di avvenuta iscrizione a ruolo, oltre a quello del responsabile dell’emissione della cartella: in mancanza di una delle due indicazioni la cartella esattoriale dovrà essere dichiarata nulla dal giudice adito. Continua a leggere

Tasse e Repubblica Veneta

Nella Repubblica Veneta il fisco era una cosa seria e pochi pensavano di non pagare le tasse, per due motivi:

il legame di particolare attaccamento alla Patria;

la mitezza delle tasse.

Secondo Eugenio Musatti (1844-1929) nella sua opera “Storia di Venezia” le imposte, sebbene molteplici, erano assai miti, forse la quarta parte di ciò che pagasi ora. Continua a leggere

Lotteria degli scontrini in quarantena

Slitta a gennaio 2021 la lotteria degli scontrini prevista dal 1° luglio.

La motivazione ufficiale è che col lockdown imposto ad aziende ed esercizi commerciali è diventata praticamente impossibile, entro tale data, la distribuzione e l’attivazione dei registratori telematici indispensabili per attribuire il codice lotteria ai clienti interessati. Continua a leggere

Rottamare un veicolo con fermo amministrativo

E’ possibile rottamare un veicolo con fermo amministrativo in due casi:

  1. dopo aver pagato il debito che ha portato al fermo amministrativo;
  2. dopo aver certificato l’inidoneità del veicolo alla circolazione.

Nel primo caso non servono chiarimenti, ma, per quanto riguarda il secondo i chiarimenti ce li offre una circolare interna dell’ACI, la numero DSD/0011454/09 del 16/09/2009 che prevede la possibilità di rottamare “i veicoli soggetti a fermo amministrativo che abbiano subito danni ingenti o siano addirittura andati distrutti (ad esempio, incendi, incidenti stradali, calamità naturali, ecc.), è possibile effettuare la radiazione, a condizione che alla richiesta di radiazione sia allegata una dichiarazione di un’Autorità competente, attestante la non utilizzabilità del veicoloe dispone quanto “Si invitano gli Uffici Provinciali a fornire sul territorio adeguata assistenza e informazione agli operatori professionali relativamente alla materia in esame”.

Come muoversi in questo caso: Continua a leggere

Riciccia l’IRAP

Nata dal genio malefico di Prodi, la tassa sui debiti, la tassa che più di ogni altra rende l’dea della rapina (IRAPina), dal 1997 è ancora lì nonostante i proclami di Berlusconi di volerle eliminare già dal 2000.

Una imposta applicata sul monte salari e sugli interessi passivi bancari, chiaramente incostituzionale riciccia ad opera del Presidente dell’Associazione Bancaria Italiana che ne spiega i lati negativi, che ogni imprenditore conosce da ben 23 anni e chiede che venga abolita o quanto meno sospesa in questo periodo di emergenza prima che la tassa sui debiti possa essere letale per molte attività. Continua a leggere