Login

Newsletter

  • Users 88
  • Posts 787
  • Comments 1,138
  • Pages 9

Veneti creduloni

Schema Ponzi e politica: quando la storia non insegna.

Un vecchio proverbio dice che conoscere la storia non serve per studiare il passato ma per prevedere il futuro o, come qualcuno ha scritto, chi non conosce la storia è condannato a ripeterla.

Lo schema Ponzi è lì a insegnarcelo: promettere una lauta rendita a chi investe piccole somme, magari 1 euro al mese, crea un’illusione che affascina perché, a fronte di un piccolo, insignificante, contributo mensile, c’è il miraggio di una rendita alla quale il reddito di cittadinanza promosso dal governo Lega-5Stelle non tiene fronte.

Molti veneti ci sono cascati a vantaggio del Ponzi di turno che si arricchisce, non sulla pelle di pochi scaltri 

investitori ma a danno di migliaia di facili creduloni, come quei 40.000 poveri illusi americani che investirono 2 dollari nel progetto permettendo la realizzazione di 15 milioni di $ al truffatore Charles Ponzi, di chiare origini “italiane”, negli anni ’20, finito più volte in galera negli States e morto, più tardi, in Italia.

Nel mondo politico la storia si ripete.

Qualcuno nel lontano 1994 prometteva alla gente del Nord il federalismo abbinato al panettone di Natale, qualche altro, nel recente Natale 2018 prometteva l’Autonomia abbinata al panettone.

Inutile dire che le promesse si sono rivelate quelle di  marinaio e non hanno trovato realizzazione, ma molti veneti ci hanno creduto e continuano a crederci.

Il caso Ponzi ed il caso panettone/federalismo/autonomia sono entrati nella storia e si ripresentano ciclicamente, ma chi non conosce la storia è portato a dare credito a chi si presenta proponendo cicliche cose mirabolanti per poi rifilargli sempre le stesse cicliche fregature.

Non è tanto la figura di polli di questi veneti creduloni a farci arrabbiare, bensì il fatto che la Storia, pur ripetendosi ed essendo potenziale maestra, non riesca proprio ad insegnare nulla.

Daniele Quaglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.