Login

Newsletter

  • Users 85
  • Posts 736
  • Comments 1,070
  • Pages 9

Veneti per volontà di Dio*

Veneto è Veneto!

L’identità del popolo Veneto, applicando la formula filosofica sul principio di identità “A è A” e quella escludente l’identità con l’altro “A non è non A”, si potrebbe così formulare: “Veneto è Veneto” e pure “Veneto non è non Veneto”.

Questo per affermare che Popolo Veneto non è Popolo Italiano.

E’ il senso dell’incontro di Castelfranco del 13 ottobre sull’identità dei Veneti che, con i Greci, sono gli unici due popoli sopravvissuti alle vicende storiche d’Europa, tra tutti gli originari popoli citati dagli storici antichi.

Nella millenaria sua storia, questo popolo, insediatosi inizialmente nelle terre tra il fiume Adda e la Pannonia circa nel 1300 a.c., proveniente da Troia di cui era alleato e come tale sconfitto dai Greci , si concentrò più tardi nella pianura tra l’Adda e l’Isonzo.

Secondo i relatori Borsetto e Fogliata, attorno al V secolo d.c., il Popolo Veneto ha subito una frattura conseguente le invasioni barbariche:

Coloro che occupavano le città più vicine al mare trovarono rifugio, temporaneo nell’intento, tra le isole disabitate della laguna ma, la devastazione subita dalle città fu motivo per continuare a vivere tra le isole e dare vita a quella che diventerà Venezia (etimologicamente, Venezia = Città dei Veneti);

Coloro che erano insediati nelle città di terra ferma, più lontane dalla laguna, vi rimasero esponendosi anche alla persecuzione a causa della religione cristiana professata.

I Veneti della laguna, chiamati anche venetici, diedero vita ad una Repubblica che attorno al 1300 realizzò il ricongiungimento con i Veneti di terra ferma, che nel frattempo si erano organizzati in signorie, per costituire un unico soggetto politico attraverso lo Stato da Tera della Repubblica Veneta, pur con le relative specificità locali.

Tutti i Veneti, dall’Adda all’Isonzo, furono nuovamente uniti.

Senza la Repubblica di Venezia questo non sarebbe mai avvenuto e, del Popolo Veneto, disgregato dai campanilismi, ora non resterebbe alcuna traccia.

E invece siamo qui con ritrovato spirito a rivendicare la specifica identità mantenuta anche grazie alla lingua che, come dice Mocellin, è organo e metodo di espressione diretta del cervello.

Chi parla Veneto, se pur inconsciamente, rifiuta l’imposizione di essere italiano.

Senza ombra di dubbio questo incontro ha fatto luce sull’identità del Popolo Veneto: ora rimane da chiarire se i Veneti, in quanto Popolo, abbiano o meno il diritto di Autodeterminazione – Indipendenza – Secessione previsto dalle leggi internazionali.

Sarà questo l’argomento del prossimo dibattito.

* Le radici cristiane dei Veneti non ammettono la casualità degli eventi ma un loro orientamento da parte di un ordine divino.

Daniele Quaglia

da sx Mocellin, Borsetto, Torresin e Fogliata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.