Login

Newsletter

  • Users 85
  • Posts 748
  • Comments 1,098
  • Pages 9

Veneti, troviamoci per andare oltre

Le decisioni impetuose e audaci in un primo momento riempiono di entusiasmo, ma poi sono difficili a seguirsi e disastrose nei risultati (Tito Livio)

E’ il caso dell’affascinante teoria della legale rappresentanza per mezzo della quale chi ha deciso di rinunciare ad essere cittadino della Repubblica italiana si ritiene esentato dal soggiacerne alle norme.

Sarebbe troppo bello riuscire a liberarci da questo Stato semplicemente contestandogli la sua illegittima presenza ed esistenza, facendo pure riferimento al Plebiscito truffa del 1866, a decreti incautamente abrogati (Regio decreto 3300 del 4 novembre 1866 abrogato con Dlgs 212/2010 ), alla violazione dei Diritti umani, della Carta ONU e dei Patti internazionali.

Non per dubitare della bontà di tutte le iniziative che mirano a liberarci da uno Stato nemico, bensì per mettere in guardia dal facile entusiasmo che queste iniziative fanno insorgere provocando una distorsione della realtà.

Purtroppo l’Italia è uno Stato riconosciuto, appartenente alla comunità internazionale degli Stati e come tale ha la sovranità sul suo territorio; ciò le consente di esercitarla anche con la forza.

Esibire un’autocertificazione o elencare le leggi internazionali che lo Stato italiano violerebbe, nella convinzione di bloccare un pignoramento od uno sfratto esecutivo, non è sufficiente per fermare i funzionari, ufficiali giudiziari e forze dell’ordine, che con la loro azione di forza non fanno altro che ribadire la sovranità (anche se contestata) dello Stato, mentre le denunce, da parte di questi funzionari, obbligheranno i dissidenti a difendersi nei tribunali, pagare avvocati e rischiare il carcere.

E’ un gioco al massacro destinato a continuare fintantoché qualcuno dei vari gruppi non avrà acquisito pari forza da contrapporsi fisicamente allo Stato, il che è alquanto improbabile per i mansueti Veneti, oppure quando riuscirà a portare la vertenza veneta ad un livello superiore, internazionale; quest’ultimo obiettivo richiede l’unità di tutti i movimenti indipendentisti ed il manifesto consenso dalla maggioranza dei Veneti.

Da almeno 20 anni si susseguono azioni miranti all’indipendenza del Veneto, ma i risultati sono sotto gli occhi di tutti: se le stesse azioni saranno ripetute all’infinito avremmo gli stessi risultati deludenti a non finire.

Evitiamo di farci del male ripetendo cose già fatte e dall’esito scontato.

Troviamoci per andare oltre.

Daniele Quaglia

A Preganziol

A Spresiano

A Piovene Rocchette

A Piovene Rocchette

4 risposte a Veneti, troviamoci per andare oltre

  • Gianppy scrive:

    Sono pienamente d’accordo con la sintesi sopradescritta, da troppi anni si spendono fatiche, tempo, denaro, mettendoci le facce rievocando storia e nostalgiche glorie passate, con il solo effetto di ottenere fasulle pacche sulle spalle e scandenti retoriche che ti liquidano con dei bravi, braviii, come dire andate avanti voi che dopo noi arriveremo!?
    Personalmente appoggio qualsiasi iniziativa che parli di indipendenza facendo mio il detto andreottiano “nel bene o nel male purchè se ne parli” anche se purtroppo come è nella realtà il più delle volte sono altri a raccoglierne i frutti.
    Credo dobbiamo fare una profonda analisi sociale e politica cercando di capire quali nuove strategie potrebbero avvicinarsi di più all’obbiettivo, anche usando nel linguaggio vie traverse, come dire, “non importano quali siano i mezzi ma importante è il risultato” amerò
    l’Italia per ottenere l’indipendenza.

  • FIL DE FER scrive:

    E’ la strada giusta.
    Unire tutti i movimenti indipendentisti Veneti, pure le associazioni culturali e avendo un unico soggetto, questa volta più credibile perché riunisce tutti con tutti i tentativi fatti che rimangono patrimonio comune, sarà più facile ottenere il consenso dei Veneti e portare a livello internazionale la causa Veneta che ne ha da portare di prove e motivazioni nel suo dossier.
    Se l’autonomia non andrà a buon fine ( residuo fiscale portato ai minimi termini e con tutte le competenze….) allora sarà il segnale che dobbiamo muoverci sull’unico campo ancora inesplorato e che è quello giusto secondo il io personale parere.
    WSM

    • daniele scrive:

      Se il tentativo di Plebiscito.eu si rivelerà un fallimento, si dovrà ripetere quello stesso iter per legittimare i nuovi rappresentanti del Popolo Veneto

  • Mazarol Veneto scrive:

    Come direbbe un mio amico,il discorso non fà un plissè! Io credo che comunque dobbiamo almeno coordinarci tutti,siamo ancora nella fase guerriglia e come tale dobbiamo comportarci ma evitando accuratamente il fuoco amico,troppo spesso esibito dai vari gruppi per meschine gelosie personali!WSM!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.