Login

Newsletter

  • Users 92
  • Posts 1,184
  • Comments 1,524
  • Pages 9

Video del magistrato che conta le mazzette: cosa dice Mattarella?

Tangenti, regali, week end in resort, sesso gratis: tutto frutto del secondo lavoro di un Giudice che invece di fare il Magistrato, riparava …. sentenze per gli amici

Dopo la Prefetto di Cosenza Paola Galeoni, caduta in trappola mentre il 30/12/2019 ritira una mazzetta di 700 euro, ora tocca ad un Magistrato, il Presidente di sezione della Corte d’Appello di Catanzaro, Marco Petrini da tempo osservato da telecamere nascoste posizionate nel suo ufficio.Nel video pubblicato si vede il Magistrato contare, con la perizia di un bancario, pacchetti di banconote: sono le mazzette che riceveva per riparare sentenze che in primo grado avevano avuto esito negativo.

Ma non si accontentava solo di soldi, infatti non disdegnava costosi regali, fine settimana in resort di lusso e apprezzava molto il sesso che una avvenente avvocatessa offriva in cambio di qualche riparazione.

Sono quasi giornalieri gli episodi che in Italia coinvolgono funzionari della PA in casi di corruzione per il semplice motivo che questa trova le sue radici in quell’ambiente, ma i casi scoperti costituiscono la punta di un iceberg che nella parte inesplorata custodisce un giro di almeno 100 miliardi di euro/anno sottratti a quella stessa comunità chiamata poi a sostenere maggiori costi per gli appalti con l’aumento delle tasse.

D’altronde, cosa potremmo aspettarci da un Paese nato all’insegna della corruzione e pervaso di mentalità mafiosa?

Daniele Quaglia

2 risposte a Video del magistrato che conta le mazzette: cosa dice Mattarella?

  • Bucciol G. scrive:

    E’ che li trovano sempre una altra parte disponibile a metterglieli a disposizione questi miliardi…perché se da una parte c’è la mafia dall’altra c’è la stupidità quindi la colpa è ambivalente…………..

  • giacomo tonon scrive:

    COPARLI TUTI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.