Login

Newsletter

  • Users 81
  • Posts 637
  • Comments 932
  • Pages 7

La povertà è in mezzo a noi

La povertà è in mezzo a noi ma è tenuta nascosta dalla fiera dignità delle nostre genti.

Ricordo quando da bambino, di tanto in tanto sulla soglia di casa si affacciava qualche poveretto a chiedere la carità, fatto abbastanza frequente nel dopoguerra: mamma o nonna mi affidavano una monetina da consegnargli e questi rispondeva con un cenno di gratitudine.

Ieri, domenica 15 ottobre dell’anno di grazia 2017 qualcuno ha suonato al cancello e non conoscendolo gli sono andato incontro.

Era una donna, dignitosamente vestita e curata, senza evidenti segni di vizi: tutti i denti Continua a leggere

Autonomia per salvare capra e cavolo

Basta tasse, basta Roma …… Secessione ……. Roma ladrona ……..

Slogans che ci hanno fatto sognare, che ci hanno fatto credere fosse possibile cambiare questo sistema mentre il sistema ha confermato tutta la sua solidità: pensavano di cambiare l’Italia, l’Italia ha cambiato loro.

Anche io sono stato uno di loro: piccolo rivoluzionario, segretario di sezione della LN Liga Veneta che nel 1995 chiedeva ai parlamentari della Lega le dimissioni di Bossi che mi hanno portato al ….. volontario allontanamento prima di una scontata epurazione.

Sognavo ad occhi aperti e non mi sfuggiva quello che succedeva per questo non avrei mai fatto Continua a leggere

Autovelox: come difendersi dalla truffa

Da anni in battaglia contro i soprusi dell’autovelox, Giorgio Vigni, ex presidente LIFE Treviso non resiste alla smania di rivelare come difendersi.
Questo il suo comunicato pervenuto in casella info@life.it
“Fradei, giovedì alle 21.15 su RETEVENETA, can 18, darò istruzioni per difendersi dalla truffa autovelox, con la speranza che i sudditi lo siano un po’ meno.

Napoleone ha abbassato la coda del Leone, chiederò che tutti i comuni veneti la restaurino, bella alta, come deve essere.
I napoletani hanno tradotto il Vangelo di S. Marco in lingua, molto bello, lancerò l’idea della traduzione in veneto.
Ti co’ nu, nu co’ ti “.
                                 G. Vigni

La PA paga quando vuole

Nel 2016 la Pubblica Amministrazione ha pagato i suoi fornitori sempre in ritardo rispetto ai tempi prefissati per legge, a volte di pochi giorni, altre di qualche mese.

Questa classifica, stilata dal centro studi della CGIA di Mestre denuncia che:

Equitalia ha pagato i fornitori con un ritardo medio di 13 giorni;

INPS con ritardo medio di 29 giorni;

Ministero degli Interni con ritardo medio di 58 giorni; Continua a leggere

Referendum indipendenza on line: istruzioni

Come votare al referendum on line sull’indipendenza che consideriamo una provocazione politica. E’ ciò che avrebbe potuto organizzare il cittadino veneto Zaia con qualche migliaia di euro invece di spenderne milioni per quello  sull’autonomia, di dubbia utilità

1) accedere al sito www.serenissima.org

2) registrarsi inserendo i dati richiesti e la vostra mail;

3) Non inserire simboli speciali quali virgole (,) barre (/), apostrofi (‘) e vocali accentate: il sistema non li riconosce e segna errore;

4) Nella vostra mail arriverà posta da Continua a leggere

Giuseppe Povia. il cantautore controcorrente.

Il 22 ottobre, domenica, triste anniversario di quel plebiscito di annessione del Veneto all’Italia del 1866, LIFE (Liberi Imprenditori Federalisti Europei) organizza un concerto del cantante Povia, alle ore 18.00 presso la Sala Toniolo a Conegliano (TV).

Sarà l’occasione di ascoltare, sulla base di piacevoli melodie, alcune “SCOMODE” verità su tanti aspetti del nostro quotidiano vivere.
Povia sa catturare e riportare alla luce quei brandelli di Storia e di “storie di vita” che il conformismo, sempre più imperante, cerca di nascondere perchè rappresenterebbero stridenti controrealtà alle tesi “politicamente corrette” diffuse sui media.
Finalmente uno squarcio sulla realtà economica che attanaglia ogni giorno la piccola impresa il libero professionista.

E’ un motivo di riflessione offerto a tutti; l’entrata infatti sarà libera fino ad esaurimento dei posti.

 

Plebiscito.eu è morto! W Plebiscito.eu

Riceviamo in casella info@life.it

Corpo del messaggio:
Caro Quaglia, ti informo che all’ultima riunione del Parlamento provvisorio Veneto c’erano solamente 15 persone.
Ritengo che sia sufficiente questo per dichiarare morto politicamente Plebiscito.eu. Uscirò a breve anch’io perché dopo la figuraccia antidemocratica fatta da Busato con Voi della minoranza non ci sono più i presupposti di democrazia all’interno del Parlamento stesso e questo per me è inaccettabile. Ciao e WSM !!!

E’ l’epilogo tragico di un sogno Continua a leggere

Contante e conto corrente

Tutti, lavoratori dipendenti o autonomi, liberi professionisti, pensionati o disoccupati possono prelevare dal conto corrente qualsiasi cifra senza essere soggetti ad alcuna motivazione.

Solo gli imprenditori titolari di azienda grande o piccola che sia, sono soggetti al limite giornaliero di prelievo di 1000 € e massimo di 5000 nell’arco del mese.

Se il contante prelevato serve per pagamenti, è da ricordare che ogni singolo pagamento Continua a leggere

Autodeterminazione, Catalogna e Veneto

Vale più il diritto dei popoli o la coercizione degli Stati?

Alle origini di tutto c’è il singolo individuo che via via si è riconosciuto in piccoli gruppi omogenei. Questi, crescendo esponenzialmente, hanno dato vita a gruppi maggiori, stanziali o meno, con la capacità di controllare il territorio occupato.

Così nascono i popoli o, in termini analoghi le nazioni che sono alla base dell’organizzazione naturale degli individui.

In un secondo momento, frutto di un’evoluzione millenaria acquisita attraverso esperienze di migrazione, tirannide, monarchie e oligarchie, guerre i popoli hanno dato vita agli Stati.

Stati che nel concetto filosofico dovrebbero rappresentare l’organizzazione politica dei cittadini, quindi dei popoli, ma che nella realtà sono diventati organizzazioni Continua a leggere

Italia, Paese da evitare

Italia: un paese dove nessuno ha più voglia di rischiare e si accontenta di mantenere quello che ha realizzato, dove i giovani che hanno voglia di intraprendere non trovano le condizioni che lo facilitino e dove nessuno vuole più venire a vivere.

In queste tre righe la storia di Gianluca Segato, giovane laureato ventitreenne di Vigonza (PD), con due amici ingegneri ideatore di un’app oggi utilizzata da migliaia di studenti italiani, che per poter vedere realizzato il suo lavoro, dopo infruttuosi approcci nel bel paese, ha scelto Continua a leggere