Login

Newsletter

  • Users 78
  • Posts 547
  • Comments 788
  • Pages 7

Genesi dell’Italia mafiosa

In 8 righe, spiegato il perché di questo Stato mafioso.

Mano a mano che Garibaldi “liberava” le città del sud si trovava di fronte a un grosso problema: poteva fidarsi della polizia borbonica?

Certo che no! E la prima cosa che fece fu quella di rinnovare tutta la struttura con gente fidata, gente che collaborava e manifestava non poco entusiasmo ostentando la coccarda tricolore: si trattava di picciotti, mafiosi e camorristi che si rivelarono da subito fidati tutori del nuovo ordine con la sola pecca, in considerazione del nostro comune senso morale, di un’origine non proprio ortodossa.

Avvenne così che i poliziotti, quelli veri ma fedeli ai Borboni, osteggiando l’invasione Continua a leggere

Il diritto di non pagare le tasse

I trattati internazionali che gli Stati ratificano hanno valore vincolante e non si vede il perché non lo dovrebbero avere, quello che essi firmano diventa Legge di rango superiore per quegli Stati.  Se in qualunque maniera i trattati fossero confliggenti con norme preesistenti, gli Stati che hanno adottato quei trattati hanno l’obbligo di attenersi a questi e l’Italia lo ha esplicitamente previsto con l’art.10 della Costituzione.

Quando è lecito non pagare le tasse ce lo suggerisce uno di questi trattati.

La legittima pretesa di non pagare le tasse è prerogativa di un popolo in fase di autodeterminazione e il Popolo Veneto si trova in questa fase da almeno 10 anni, da quando LIFE-APV ha Continua a leggere

Se voti, VOTA NO!

Se voti, vota NO affinché una valanga di NO seppellisca questo governo, i suoi “illuminati” mandanti, la sua corte,  gli ipocriti oppositori, i demagoghi,  la roccaforte EU-BCE e il sistema tutto!

Muoia Sansone con tutti i filistei e che dalle macerie di questa oligarchia autoreferenziale nasca finalmente una Confederazione dei Popoli Europei.

Daniele Quaglia

Sabotaggio al Diritto di Autodeterminazione!

Tutti i motivi che, partendo dal riconoscimento di minoranza nazionale fanno pensare ad un attacco contro il diritto di Autodeterminazione, legittima aspirazione del Popolo Veneto.  Spiace per quei Sindaci che in buona fede hanno messo la loro faccia, ma più ci si addentra nel così detto “Progetto di Legge 116” applicazione della “convenzione quadro per la protezione delle minoranze nazionali” che trovate qui http://www.consiglioveneto.it/crvportal/pdf/pratiche/10/pdl/PDL_0116/1000_5Ftesto_20presentato.pdf    più si delineano i risvolti di un sabotaggio contro il processo di Autodeterminazione del Popolo Veneto.

Eccoli i motivi della inequivocabile conclusione.

Allo stato attuale non esiste una definizione giuridica di minoranza nazionale in quanto né ONU, né UNESCO né qualsiasi organismo internazionale od europeo hanno mai provveduto a ciò!. Continua a leggere

Tutti da Claudio, foto e video (Karovanada n. 6)

E’ iniziato come raduno di solidarietà a Claudio Delle Pasqualine a Tovena (TV) ed è terminato con una  imprevista Karovanada, la n.6 formata da  una cinquantina di auto, munite di bandiere marciane come da tradizione, che hanno portato il messaggio di indipendenza del Popolo Veneto nelle strade della Pedemontana trevigiana attraverso i comuni di Cison Continua a leggere

La Polizia Locale convoca Claudio

La vicenda delle bandiere di San Marco a Tovena ha un risvolto inedito: il 29 settembre 2016 la Polizia Locale invitava Claudio Delle Pasqualine a presentarsi in Ufficio per comunicazioni urgenti.

Claudio, che non è certo un tipo malizioso, si è recato da solo e riferisce che l’ufficiale di PS lo avrebbe invitato a sostituire le bandiere danneggiate dalle intemperie per rispetto del loro valore istituzionale.

Senza testimoni o registrazioni audiovisive è difficile sostenere la tesi che tali dichiarazioni fossero state espresse da un pubblico ufficiale, così noi LIFE e Claudio, di comune accordo, abbiamo pensato di renderle ufficiali in modo indiretto. Questa mattina Claudio ha depositato all’Ufficio protocollo Continua a leggere

La bandiera di San Marco fa paura?

Claudio Delle Pasqualine è un simpatizzante LIFE, volontario dei GIR (Gruppi di Intervento Rapido) sempre disponibile a dare una mano. Da tempo ha aperto un contenzioso con l’amministrazione di Cison di Valmarino che, a suo dire, non si opera a sufficienza per dare un supporto a chi non trova un lavoro:  in tal senso la politica del Comune non sembra tanto diversa da quella di Roma che ben poco fa per risolvere il problema della disoccupazione.

Allora, la vendetta di Claudio è stata quella di esternare il suo stato d’animo issando le Bandiere della Serenissima Repubblica  ed esponendo un Continua a leggere

Massimo Colomban spirito LIFE

Un imprenditore di successo, che non sia ammanicato col sistema, non può che denunciare la sacrosanta verità cioè, come da sempre LIFE sostiene, le tasse al 68% sono un cappio al collo per le imprese e per l’economia. Un plauso a Colomban e alla sua schiettezza veneta poco comune a troppi altri imprenditori (veneti). Daniele Quaglia

Guarda questo video Continua a leggere

Uno Stato estorsore, parola di Luciano Dissegna

(Video) Lucino Dissegna ex funzionario dell’Agenzia delle Entrate ci va giù pesante sul sistema fiscale e sugli abusi che molto spesso i funzionari del fisco e di Equitalia commettono a danno dei piccoli imprenditori. La questione, però, non è burocratica ma politica perché è la politica che emana le norme e la politica nulla fa contro i grandi gruppi imprenditoriali monopolizzanti gli appalti pubblici che generano tangenti e corruzione, atti  prodromici della grande evasione fiscale di cui essa stessa, la politica, è attore principale. Questo e tanto altro in questa videoregistrazione da Continua a leggere

Pranzo LIFE “Alle grave de £a Piave”

Quest’anno il pranzo LIFE aperto ad associati e simpatizzanti si terrà in mezzo al Piave, nelle grave di Papadopoli. Questi sassi intrisi da rivoli  di sangue  di migliaia di giovani strappati alle loro terre e mandati a morire in guerra qui, sono testimoni della profanazione di un territorio ricordato, a memoria d’uomo, come prospero di pace  e di  libertà. Il ristorante da Maurizio è stato scelto perché rappresenta l’ultimo recente baluardo contro la protervia dell’invasore che sotto le spoglie del prefetto di Treviso, arrogante con quel suo “lei non sa chi sono io!”, pretendeva l’ammissione della cagnetta Olga, ad una cena. Il pranzo tra queste “grave de £a Piave”, fiume sacro alla nostra Patria, il Veneto, sia di auspicio per l’indipendenza del popolo veneto! Programma, menu, costo e prenotazioni sul volantino sotto riportato. (DQ)

pranzo life